Tumore al Pancreas: cause, sintomi e prevenzione

sabato, 30 Dic 2023

Il tumore del pancreas è una neoplasia ancora oggi molto complessa da curare: nella maggior parte dei casi si sviluppa nella testa dell’organo e la prognosi, generalmente, è negativa. In questo articolo, si esaminerà la patologia, nonché come prevenire e i trattamenti attualmente disponibili per questo tipo di tumore.

Indice argomenti

Tumore al pancreas: cos’è?

Il cancro del pancreas è una malattia oncologica in cui le cellule tumorose maligne si formano nel tessuto dell’omonima ghiandola, situata dietro lo stomaco e davanti alla colonna vertebrale. La funzione del pancreas è quella di produrre gli enzimi che contribuiscono alla digestione (come la tripsina) e gli ormoni che regolano la glicemia (quali l’insulina e il glucagone): il pancreas detto ‘esocrino’ – la parte preponderante dell’organo – produce i primi, mentre le cellule del pancreas detto ‘endocrino’ producono gli ormoni. La maggior parte dei tumori del pancreas inizia nelle cellule esocrine [1].

Inoltre, la quasi totalità (circa il 95%) dei tumori maligni che si sviluppano nel pancreas è rappresentato dal tipo detto adenocarcinoma: si tratta di un tumore che, a differenza delle altre forme, ha origine dalle cellule ghiandolari che si trovano sul dotto pancreatico, un condotto anatomico che ha la funzione di trasportare gli enzimi digestivi prodotti nel pancreas all’interno del duodeno, ovvero la prima parte dell’intestino tenue. La maggior parte di questi tumori compare in una zona precisa del dotto pancreatico, ovvero la cosiddetta “testa del pancreas”, cioè quella parte che si trova nel punto più vicino al duodeno [2].

Bisogna infatti immaginare il pancreas come un organo dalla forma allungata, lungo circa 20 cm, e suddiviso in tre parti: la testa è la parte più grande e tondeggiante, il “corpo” è la parte centrale e la “coda” è quella terminale, più sottile, protesa verso la milza [3].

Tumore al pancreas: cause e fattori di rischio

Secondo recenti studi, si attestano a circa 14.500 i nuovi casi di cancro al pancreas nel 2022, solo in Italia [3]. I fattori di rischio più comuni sono ritenuti i seguenti [4]:

  • fumo (sembra che ben il 20% dei tumori al pancreas sia causato dal fumo);
  • età, a rischio quanto superiore ai 55 anni;
  • patologie pregresse come diabete, pancreatite cronica, cirrosi epatica (e stato di salute generale del paziente)
  • obesità
  • infezione da Helicobacter pylori;
  • esposizione, specie in ambito lavorativo (nel settore del lavaggio a secco e della lavorazione dei metalli), a sostanze chimiche pericolose.

È inoltre stata notata una maggiore incidenza nelle persone afroamericane rispetto alle etnie caucasiche; anche la storia familiare può incidere sulle statistiche (nel 10% dei casi, si registra una causa genetica connessa a mutazioni di particolari geni oppure a patologie come la sindrome di Lynch, la sindrome di Peutz-Jeghers, la sindrome di VonHipaul Lindau, la MEN1) [4].

Esistono alcune mutazioni genetiche che possono predisporre allo sviluppo del tumore al pancreas. Medendi offre test specifici per valutare la presenza di mutazioni germinali.

Infine, in passato è stata registrata una prevalenza della comparsa di questo tumore negli uomini, molto probabilmente dovuta a un maggiore consumo di sigarette di quest’ultimi rispetto alle donne della stessa età. Negli ultimi tempi, infatti, questa disparità di genere si è sostanzialmente annullata (oggi il fumo è un vizio diffuso in modo equale tra entrambi i generi): nelle donne ultrasettantenni il carcinoma pancreatico è diventato il quarto tumore più frequente [3], scavalcando altre forme di tumore.

Altri possibili fattori di rischio includono il consumo eccessivo di alcol e di caffè e uno stile di vita inattivo associato a un elevato consumo di carne rossa [4].

Gli sforzi per sensibilizzare il pubblico sul tumore al pancreas, migliorare la comprensione dei sintomi e promuovere la diagnosi precoce stanno lentamente aumentando, ma la consapevolezza rimane relativamente bassa rispetto ad altre forme di cancro.

Tumore al pancreas: sintomi

Le manifestazioni iniziali del cancro al pancreas raramente sono specifiche e facilmente riconducibili all’insorgere di questa malattia: è per questo che è facile fraintendere i sintomi e non intraprendere tempestivamente una cura [5, 3]. Tuttavia, è importante notare, che il cancro al pancreas ha prospettive di guarigione solo se diagnosticato in uno stadio precoce. Pertanto, è fondamentale consultare un medico per una diagnosi accurata e un trattamento tempestivo se si sospettano anomalie o se si avvertono dei sintomi (anche aspecifici).

I pazienti con cancro del pancreas possono presentare infatti i seguenti disturbi, segnali e sintomi [5]:

  • significativa perdita di peso [5];
  • dolore addominale o alla parte superiore della schiena [3];
  • dolore generalizzato notturno [5];
  • comparsa del diabete mellito (nei 2 anni precedenti) [5];
  • prurito generalizzato [5];
  • patologie come l’ittero ostruttivo, la tromboflebite migratoria e la trombosi venosa profonda [5];
  • debolezza, nausea o vomito [3].

Tumore al pancreas: diagnosi

Come si è accennato, il cancro al pancreas è notoriamente molto difficile da diagnosticare nelle sue fasi iniziali. Semplici esami di laboratorio, ad esempio, non sono risolutivi: i risultati di laboratorio nei pazienti con tumore del pancreas non sono specifici e solo occasionalmente la presenza del tumore è suggerita da livelli elevati di transaminasi epatiche, e di bilirubina e fosfatasi alcalina fuori norma, in genere in esami eseguiti per altri scopi [5].

Quando sorgono sospetti sullo sviluppo di cellule cancerogene, il primo passo diagnostico è comunque quello di testare l’emocromo e valutare gli esami biliari del fegato, utili in caso di patologie pregresse che rappresentano un fattore di rischio, come l’ittero ostruttivo [5].

Si possono effettuare poi alcuni test che rilevano dei marcatori tumorali (il 75-85% dei pazienti presenta livelli elevati di CA 19-9, l’antigene Carbo-Associato 19-9; il 40-45% presenta livelli elevati di CEA, l’antigene Carcinoembrionario) e vari test genetici (solitamente incentrati sulla ricerca di mutazioni germinali) [5].

In oncologia, la diagnosi viene effettuata anche attraverso i tradizionali studi di imaging, e in particolare [5]:

  • TAC
  • Ecografia transcutanea
  • Ecografia endoscopica
  • Risonanza magnetica
  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica
  • Tomografia a emissione di positroni.

L’analisi molecolare del tumore al pancreas aiuta l’oncologo a scegliere la migliore terapia o se disponibile un trial clinico adatto al paziente. Scopri come i nostri test molecolari possono aiutarti.

Tumore al pancreas: trattamento e prevenzione

Purtroppo il tumore al pancreas resta tuttora uno dei più difficili da trattare, specie nel caso in cui non sia curato già in uno stadio iniziale. Il tasso di mortalità è restato stabile negli ultimi anni, ed è significativamente alto: il tumore del pancreas si conferma il tumore con la minore probabilità di sopravvivenza sia a un anno dalla diagnosi – 34% nell’uomo e 37,4% nella donna – sia a cinque anni – 11% nell’uomo e 12% nella donna [3]. Sembra inoltre che il tasso di sopravvivenza globale si attesti solo al 6% [4].

Questi dati hanno portato a diffondere nella popolazione una percezione del tumore al pancreas caratterizzata da uno scarso conoscimento della materia (essendo meno diffuso, ad esempio, di tumori come quello a seno o al polmone, è anche meno noto): un senso di preoccupazione e di paura, perciò, è immediatamente associato a questa forma tumorale.

A complicare la situazione si aggiunge il fatto che al momento della diagnosi, il 52% dei pazienti presenta già metastasi [5], che solitamente si diffondono dal tumore primario ai linfonodi limitrofi con particolare velocità.

Quando la malattia viene individuata e localizzata in una fase ancora iniziale (circa il 20% dei pazienti), invece, il medico potrà decidere di procedere con l’asportazione chirurgica completa della massa tumorale, un intervento piuttosto complicato e non privo di rischi, che normalmente consiste nella cosiddetta procedura di Whipple (l’asportazione della testa pancreatica, del duodeno, e di una parte dello stomaco).

Successivamente all’intervento, possono giovare alcune sedute di chemioterapia, o di radioterapia, che resta l’unica opzione per i tumori non operabili.

Sono diversi anche i filoni di ricerca sulle vie sperimentali, specie quelli che prevedono l’uso di farmaci a bersaglio molecolare, già utilizzati nella terapia di alcuni sottotipi di cancro pancreatico [3].

In sintesi

Il cancro del pancreas è una malattia oncologica in cui si formano cellule cancerose maligne nel pancreas, che svolge un ruolo cruciale nella digestione e nella regolazione della glicemia. La maggior parte dei tumori pancreatici è di tipo adenocarcinoma e si sviluppa nei dotti pancreatici.

I fattori di rischio più comuni includono il fumo, l’età avanzata, condizioni mediche pregresse e fattori genetici. Questo tipo di cancro è spesso diagnosticato in uno stadio avanzato a causa della mancanza di sintomi specifici, e la diagnosi si effettua tramite test di laboratorio, marcatori tumorali e studi di imaging.

La strategia terapeutica varia a seconda dello stadio e va inquadrato nel corso di una (o più) visita oncologica, ma spesso comprende la chirurgia (prima della sua diffusione in altri organi), la chemioterapia e la radioterapia. Le opzioni di trattamento stanno sperimentando nuove soluzioni, tuttavia allo stadio attuale la sopravvivenza rimane drammaticamente bassa, soprattutto quando il tumore è diagnosticato in uno stadio avanzato.

Molto importante resta la necessità di sensibilizzare il pubblico su questo tipo di tumore, che resta uno dei peggiori nell’immaginario collettivo. Migliorare la comprensione dei sintomi e promuovere una diagnosi precoce sono i passi necessari, e imprescindibili, da parte della comunità medica, per aumentare una consapevolezza che rimane relativamente bassa rispetto ad forme di cancro più note.

Fonti e bibliografia

  1. WebMD, Pancreatic Cancer URL: https://www.webmd.com/cancer/pancreatic-cancer/digestive-diseases-pancreatic-cancer
  2. Manuale MSD, versione per i pazienti, Tumore pancreatico URL: https://www.msdmanuals.com/it/casa/disturbi-digestivi/tumori-dell%E2%80%99apparato-digerente/tumore-pancreatico
  3. AIRC, Tumore del pancreas URL: https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/guida-ai-tumori/tumore-del-pancreas
  4. National Library of Medicine, Pancreatic cancer URL: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK518996/
  5. Medscape, Pancreatic cancer URL: https://emedicine.medscape.com/article/280605-overview

Conoscere le alterazioni molecolari del tumore permette di utilizzare terapie mirate che colpiscono con precisione le cellule tumorali. Perché sia possibile, servono diagnostiche molecolari come l’analisi genetica e l’analisi proteomica. Medendi offre diagnostiche avanzate e innovative per prevenire, conoscere e combattere il cancro. Scopri i nostri servizi: la valutazione preliminare è sempre gratuita.

Altri articoli interessanti